X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Mercoledì, 21 agosto 2019 - Aggiornato alle 6.00

IMPRESA

Per il recesso «ad nutum» da srl rileva la durata del progetto imprenditoriale

La Cassazione esclude, invece, che possa prendersi in considerazione l’aspettativa di vita del socio persona fisica

/ Maurizio MEOLI

Sabato, 30 marzo 2019

La durata di una srl – connotata da un socio di maggioranza persona giuridica e da uno di minoranza persona fisica – fino al 31 dicembre 2050 non legittima quest’ultimo, che alla data di scadenza della società avrà 87 anni, all’esercizio del diritto di recesso ad nutum. La circostanza che la durata della società superi l’aspettativa di vita del socio persona fisica (secondo i dati Istat), infatti, è reputata circostanza del tutto irrilevante.
A stabilirlo è la Cassazione, nella sentenza n. 8962, depositata ieri.

Si ricorda che la riforma del diritto societario ha introdotto, nella srl, una specifica disciplina in materia di recesso. Oltre all’elencazione di una serie di cause di recesso legali e alla previsione che l’atto costitutivo possa indicarne ulteriori (comma ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU