X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Sabato, 24 agosto 2019 - Aggiornato alle 6.00

LAVORO & PREVIDENZA

Dalla contrattazione collettiva nuove ipotesi di stagionalità

In questo modo, le parti sociali incidono sull’operatività delle disposizioni in materia di lavoro a termine previste dal decreto dignità

/ Mario PAGANO

Lunedì, 15 aprile 2019

Dopo i primi scossoni generati dalla nuova disciplina del contratto a tempo determinato, così come sensibilmente ridisegnato dal DL 87/2018 (“decreto dignità”), conv. L. 96/2018, sono arrivate le prime contromisure, introdotte attraverso la contrattazione collettiva.

Le parti sociali, molto opportunamente, sfruttando le deleghe regolatorie che la legge affida loro, hanno introdotto nuove ipotesi di stagionalità, di fatto incidendo in modo concreto sull’operatività delle nuove disposizioni e più in particolare su quelle che richiedono l’apposizione della causale in caso di proroghe oltre i 12 mesi o di rinnovi dei contratti a tempo determinato.

Come detto, con le novità introdotte con il DL 87/2018 (art. 1), oggi chi vuole stipulare un contratto a tempo determinato di durata ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU