X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Venerdì, 24 maggio 2019 - Aggiornato alle 6.00

INIZIATIVE DI CATEGORIA

Dall’Ordine di Milano azione legale contro le app di contabilità «fai da te»

/ REDAZIONE

Mercoledì, 17 aprile 2019

“Già in passato si è ottenuto il ritiro di materiale pubblicitario e oggi più che mai abbiamo deciso di intervenire per la tutela nostra e soprattutto del cittadino e auspichiamo che anche le associazioni dei consumatori si uniscano con interventi specifici su questi temi”. Con queste parole Marcella Caradonna, Presidente dell’ODCEC di Milano, ha motivato la decisione di intentare azione legale, “stragiudiziale e, nel caso, anche giudiziale”, nei confronti della società che ha lanciato “Tax Man”, l’app che gestisce la contabilità delle partite IVA e promette di poter fare a meno del commercialista.

L’obiettivo, si legge nella nota stampa diffusa nel pomeriggio di ieri, è quello di “tutelare, in modo fermo e continuativo, il cittadino da forme di comunicazione che possano indurlo verso una falsa percezione delle problematiche fiscali”. Per questo, le medesime azioni legali verranno portate avanti verso qualsiasi altro messaggio che richiami la consulenza dei commercialisti come “un’attività sostituibile senza problemi, addirittura con una app o strumenti informatici”.

“Siamo stanchi – ha aggiunto Caradonna – di vedere clienti che, dopo aver provato il «fai da te» ritornano da noi delusi, dopo aver speso inutilmente soldi”. La normativa fiscale è complessa e “indurre il cittadino a credere che sia di facile applicazione rischia di produrre effetti devastanti sulle classi più deboli”.

Per le situazioni più semplici, ha ricordato la numero uno dell’ODCEC milanese, esiste il 730 precompilato, “ma se la situazione è più complessa è importante farsi assistere da noi commercialisti”. Nella gestione economica e fiscale di una famiglia, infatti, “non si può ragionare per automatismi”. Ogni contesto, conclude la nota stampa, “è una situazione a sé e spesso, ad esempio per superficialità o non conoscenza, non vengono utilizzate le opportunità che in termini di agevolazioni la legge offre, con un danno economico per le persone”.

TORNA SU