X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Giovedì, 27 giugno 2019 - Aggiornato alle 6.00

IMPRESA

Fallimento proponibile dal creditore estraneo all’accordo di ristrutturazione

La Corte di Cassazione applica la disciplina e i principi elaborati per il concordato

/ Antonio NICOTRA

Giovedì, 23 maggio 2019

Con la sentenza n. 13850, depositata ieri, la Cassazione ha stabilito che il creditore rimasto estraneo all’accordo di ristrutturazione dei debiti può presentare la domanda di fallimento dopo l’omologazione dell’accordo.
Nel caso di specie, omologato l’accordo di ristrutturazione dei debiti, un creditore rimasto estraneo presentava una domanda di fallimento per il proprio credito. La società debitrice lamentava la legittimità dell’istanza in quanto proposta in pendenza dell’esecuzione dell’accordo e senza la preventiva risoluzione dello stesso.

Per la Suprema Corte, non sussistono preclusioni alla presentazione della domanda di fallimento dopo l’omologazione di un accordo di ristrutturazione dei debiti da parte di un creditore che ne sia rimasto ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU