X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Giovedì, 12 dicembre 2019 - Aggiornato alle 6.00

IL CASO DEL GIORNO

Transito dal regime di vantaggio al forfetario alla prova degli acconti

/ Luca FORNERO

Giovedì, 6 giugno 2019

Nel caso di passaggio diretto dal regime di vantaggio (ex DL 98/2011) a quello forfetario (ex L. 190/2014), la disciplina degli acconti d’imposta si arricchisce di un’ulteriore ipotesi, quella del transito in corso d’anno.

Si ricorda, infatti, che, con la risposta a interpello n. 140/2019, tale passaggio è stato giudicato ammissibile, qualora si verifichi la fuoriuscita immediata dal primo dei citati regimi per superamento della soglia di 45.000 euro di ricavi e compensi, ossia di oltre il 50% del limite di 30.000 euro.
In tale ipotesi, ai fini dell’imposizione diretta, il reddito imponibile per l’intero anno in cui avviene il transito è determinato applicando le sole disposizioni del regime forfetario. Di fatto, quindi, il regime di vantaggio è adottato per l’ultima

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU