X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Giovedì, 27 giugno 2019 - Aggiornato alle 6.00

LAVORO & PREVIDENZA

Per l’indennità risarcitoria conta tutto il periodo lavorato nell’appalto

La Corte d’Appello di Torino chiarisce che l’art. 7 del DLgs. 23/2015 si applica anche ai licenziamenti collettivi

/ Gabriele MORO

Giovedì, 13 giugno 2019

La sentenza della Corte d’Appello di Torino n. 316/2019 affronta numerosi temi di notevole interesse. In verità, la pronuncia costituisce il gravame di una già di per sé rilevante sentenza di primo grado, tramite la quale, in estrema sintesi, il giudice di prime cure aveva ritenuto illegittimo il licenziamento intimato nei confronti di tre lavoratori poiché il datore di lavoro, all’esito di una procedura di mobilità, non aveva rispettato la prevista tempestività (nonché il relativo contenuto) della comunicazione prescritta dal comma 9 dell’art. 4 della L. n. 223/1991, contenente la “puntuale indicazione delle modalità con le quali sono stati applicati i criteri di scelta” da inviarsi ai destinatari ivi prescritti.

In particolare, i giudici d’appello respingono ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU