X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Mercoledì, 21 agosto 2019 - Aggiornato alle 6.00

IMPRESA

Obbligo d’iscrizione all’Albo dei gestori della crisi per l’attestatore del piano

Si tratta della principale novità sulla nomina; è stato poi leggermente modificato il requisito dell’indipendenza

/ Michele BANA

Lunedì, 15 luglio 2019

Il “Codice della crisi d’impresa e dell’insolvenza”, emanato in attuazione della L. 155/2017, stabilisce che il professionista indipendente – incaricato di attestare la veridicità dei dati aziendali e la fattibilità del piano di risanamento, ristrutturazione dei debiti o concordato preventivo – deve presentare caratteristiche analoghe a quelle già previste dall’art. 67 comma 3 lett. d) del RD 267/42, seppur con qualche differenza.

In particolare, è previsto che l’attestatore sia nominato dal debitore e debba soddisfare, congiuntamente, le seguenti condizioni (art. 2 comma 1 lett. o) del DLgs. 14/2019, applicabile dal 15 agosto 2020):
- è iscritto all’Albo dei gestori della crisi e dell’insolvenza (art. 356 del DLgs. 14/2019, già in vigore), e nel ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU