X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Mercoledì, 17 luglio 2019 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Non basta lo scostamento dal valore normale per contestare le operazioni infragruppo

La Corte di Cassazione esclude la configurabilità del c.d. transfer pricing interno

/ Luisa CORSO

Mercoledì, 26 giugno 2019

Con sentenza n. 16948 depositata ieri, la Cassazione torna a pronunciarsi sul tema della configurabilità dell’istituto del c.d. transfer pricing interno, nonché sulla rilevanza, nell’ambito delle transazioni infragruppo interne, della nozione di “valore normale”, affermando, in sintesi, che:
- le transazioni infragruppo interne non sono soggette alla valutazione del valore normale ex art. 9 del TUIR, né un’eventuale alterazione rispetto al prezzo di mercato può, di per sé, fondare una valutazione di elusività dell’operazione;
- lo scostamento dal valore normale del prezzo di transazione può assumere rilievo, anche per le operazioni infragruppo interne, quale elemento indiziario ai fini della valutazione di antieconomicità delle operazioni.

Il caso di specie ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU