X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Lunedì, 16 settembre 2019 - Aggiornato alle 6.00

IL CASO DEL GIORNO

Il corso di studi all’estero può essere «pacchetto turistico»

/ Maria Giulia BORSA e Emanuele GRECO

Venerdì, 12 luglio 2019

Il regime speciale IVA delle agenzie di viaggio può essere applicato, a determinate condizioni, anche a soggetti passivi la cui attività non sia quella di una convenzionale “agenzia di viaggio” o di un “tour operator”.
È quanto risulta da alcune sentenze della Corte di Giustizia Ue (sentenza 22 ottobre 1998, relativa alle cause riunite C-308/96 e C-94/97; sentenza 13 ottobre 2005, relativa alla causa C-200/04), ove si afferma che il regime speciale IVA delle agenzie di viaggio di cui all’art. 26 della sesta direttiva (attuale art. 306 ss. della direttiva 2006/112/Ce, recepito dall’art. 74-ter del DPR 633/72) può essere fatto valere “anche nell’ipotesi in cui l’operatore economico non sia un’agenzia di viaggi o un organizzatore di giri ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU