X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Mercoledì, 16 ottobre 2019 - Aggiornato alle 6.00

ECONOMIA & SOCIETÀ

La messa in mora del venditore ferma la prescrizione dell’azione di garanzia per vizi

Per le Sezioni Unite non occorre agire in via giudiziale per l’interruzione, anche perché altrimenti si avrebbe un’inutile proliferazione di giudizi

/ Cecilia PASQUALE

Venerdì, 12 luglio 2019

Nel contratto di compravendita, la messa in mora del venditore è atto idoneo a interrompere la prescrizione annuale dell’azione di garanzia per vizi (art. 1495 comma 3 c.c.).
Pertanto, è sufficiente che l’acquirente del bene viziato comunichi al venditore la sua volontà di esercitare la garanzia mediante una qualsiasi dichiarazione formale ai sensi dell’art. 1219 c.c. entro un anno dalla consegna: si realizza, così, l’effetto interruttivo e il termine di un anno ricomincia a decorrere dal momento dell’atto interruttivo, senza tenere conto dell’eventuale periodo di tempo già decorso anteriormente al verificarsi della causa di interruzione.

Questo è quanto statuito dalla Corte di Cassazione a Sezioni Unite, con la sentenza n. 18672, depositata ieri.
L’affermazione ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU