X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Mercoledì, 16 ottobre 2019 - Aggiornato alle 6.00

NOTIZIE IN BREVE

Non impugnabile il rigetto di un’istanza di revisione di un interpello

/ REDAZIONE

Venerdì, 12 luglio 2019

La Corte di Cassazione, con la sentenza 18604, depositata ieri, nel ribadire che, nel contesto ante DLgs. 156/2015, il diniego di interpello disapplicativo rappresenta un atto impugnabile, sancisce che non può invece essere impugnato l’ulteriore diniego opposto dall’Ufficio a fronte di una istanza di revisione del diniego presentata dal contribuente.

Non si può applicare, infatti, il principio inerente alla possibilità di impugnare il diniego di interpello al caso di specie, in cui il contribuente aveva in sostanza instaurato due separati giudizi, uno contro il diniego di interpello e uno contro il diniego di revisione.

Ragionare diversamente significherebbe moltiplicare, anche all’infinito, i giudizi, finendo con il ledere la certezza dei rapporti giuridici.

Si fa presente che ora, vigendo le modifiche apportate dal DLgs. 156/2015, il diniego di interpello non può più essere oggetto di autonoma impugnazione, in quanto ogni forma di tutela va esperita nel ricorso contro il successivo ed eventuale avviso di accertamento.

TORNA SU