X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Giovedì, 20 febbraio 2020 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Semplificazioni sull’origine preferenziale nell’accordo Ue-Giappone

Per le importazioni in Giappone, con la nuova procedura l’attestazione dell’origine va considerata sufficiente per il trattamento preferenziale

/ Pier Paolo GHETTI e Serena PELLEGRI

Venerdì, 2 agosto 2019

Sulla scia della circolare n. 1/2019 e della successiva comunicazione n. 12142/2019 l’Agenzia delle Dogane è tornata a occuparsi dell’Accordo di libero scambio tra l’Ue e il Giappone, entrato in vigore il 1° febbraio 2019.
Più in particolare, con la nota n. 93087/2019 l’Agenzia ha reso note le Conclusioni del Comitato per le regole di origine e le questioni doganali dell’APE Ue-Giappone in relazione alle procedure di origine (Committee on Rules of Origin and Customs-Related Matters – CROCRM) raggiunte nel corso della riunione del GUD (Gruppo unione doganale) del 12/07/2019 e della riunione del Gruppo Esperti Origine del 9/10 luglio 2019.
Tali conclusioni sono senza dubbio di grande importanza per gli operatori che si trovano a operare con il Giappone in quanto chiariscono ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU