X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Mercoledì, 12 agosto 2020 - Aggiornato alle 6.00

IMPRESA

Concordato risolto se l’inadempimento non ha scarsa importanza

Il mancato raggiungimento del risultato satisfattivo prescinde dai profili soggettivi di colpa del debitore

/ Antonio NICOTRA

Lunedì, 2 settembre 2019

x
STAMPA

download PDF download PDF

Con sentenza 31 luglio 2019 n. 20652, la Corte di Cassazione ha stabilito che il concordato preventivo deve essere risolto ex art. 186 del RD 267/42 qualora emerga che lo stesso sia venuto meno alla funzione di soddisfare i creditori nella misura promessa, a meno che l’inadempimento non abbia scarsa importanza.

Ai fini di tale verifica, la percentuale di soddisfacimentoeventualmente indicata dal debitore non è vincolante – salva l’assunzione di una specifica obbligazione intesa a garantirla – ma funge da criterio di riferimento utile ad apprezzare l’importanza dell’inadempimento.

La risoluzione ex art. 186 del RD 267/42 si giustifica qualora il concordato sia venuto meno alla funzione di soddisfare i creditori chirografari e, integralmente, i creditori privilegiati ove ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU