X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Martedì, 15 ottobre 2019 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Il MEF dice no alla riapertura del termine per l’invio dei corrispettivi

Ma il CNDCEC gira la richiesta al nuovo Esecutivo: «Tante criticità, serve tempo fino al 30 settembre»

/ Savino GALLO

Giovedì, 5 settembre 2019

Nessuna proroga al 30 settembre per l’invio dei corrispettivi telematici di luglio 2019. La richiesta di spostare il termine del 2 settembre, avanzata dal Consiglio nazionale dei dottori commercialisti ed esperti contabili all’inizio del mese di agosto, è stata infatti respinta dal Ministero dell’Economia, con una risposta che lo stesso CNDCEC, in un comunicato stampa diffuso ieri, ha definito “evasiva”.

Si ricorda che, ai sensi dell’art. 2 comma 6-ter del DLgs. 127/2015, i dati dei corrispettivi devono essere inviati entro 12 giorni dall’effettuazione dell’operazione. In fase di prima applicazione della nuova disciplina, però, è stata disposta una moratoria delle sanzioni che consente ai soggetti interessati un più ampio termine per l’invio.

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU