X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Martedì, 15 ottobre 2019 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Non può dirsi inesistente il credito d’imposta non riportato nel quadro RU

Decisiva, secondo la Provinciale di Salerno, la distinzione tra crediti inesistenti e crediti non correttamente fruiti

/ Giorgio INFRANCA e Pietro SEMERARO

Giovedì, 19 settembre 2019

Non può ritenersi inesistente il credito d’imposta utilizzato in compensazione dal socio di una società di persone in caso di mancata indicazione del credito, originariamente maturato dalla società partecipata e quindi trasferito al socio partecipante, nel quadro RU della dichiarazione dei redditi di quest’ultimo; in tal caso, l’omissione da parte del socio assume carattere meramente formale e non è idonea a porre in dubbio l’esistenza del credito e il relativo diritto all’utilizzo in compensazione.
È questo, in sintesi, quanto si desume dalla lettura della sentenza C.T. Prov. Salerno n. 778/1/2019.

Il caso oggetto del giudizio origina dall’impugnazione di un atto di recupero del credito d’imposta per investimenti in aree svantaggiate (art. 8 della L.

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU