X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Martedì, 15 ottobre 2019 - Aggiornato alle 6.00

LAVORO & PREVIDENZA

Ferie non monetizzabili durante il rapporto di lavoro salvo casi eccezionali

Due le ipotesi in cui è ammessa la monetizzazione: le ferie residue al momento della cessazione e le eccedenti il periodo minimo legale

/ Simona SALIS

Giovedì, 19 settembre 2019

Il diritto ai riposi settimanali e alle ferie è sancito dall’art. 36 della Costituzione e regolato dal codice civile (art. 2109) e dal DLgs. 66/2003.
Le ferie costituiscono un diritto indisponibile del lavoratore e per questo non è consentito rinunciarvi, neppure dietro il riconoscimento, salvo casi eccezionali, di un compenso in denaro come alternativa al relativo godimento. Ogni patto contrario – sia esso previsto in un contratto individuale o collettivo – deve pertanto considerarsi nullo, così come deve considerarsi nulla la clausola contrattuale che preveda l’erogazione di un superminimo finalizzato a compensare le ferie non godute, in quanto rinuncia preventiva alle stesse (Cass. n. 28428/2013).

Il lavoratore ha diritto a un periodo annuale di ferie retribuite non inferiore a ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU