X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Venerdì, 27 novembre 2020 - Aggiornato alle 16.30

FISCO

La ritenuta sulle locazioni brevi arriva alla Corte di Giustizia

Il Consiglio di Stato rimette la questione perché sia chiarita la conformità della normativa italiana con la direttiva 2015/1535/Ue

/ Giorgio INFRANCA e Pietro SEMERARO

Martedì, 1 ottobre 2019

x
STAMPA

download PDF download PDF

La disciplina italiana in materia di locazioni brevi sarà oggetto di analisi da parte della Corte di Giustizia per potenziale contrasto con la normativa euro-unitaria.
Muta ancora il quadro – ormai sempre più intricato – dei rapporti fra l’Amministrazione finanziaria italiana e il colosso delle locazioni brevi Airbnb, questa volta con un punto a favore della società americana. Il Consiglio di Stato, con l’ordinanza n. 6219/2019, ha ritenuto non irragionevole la richiesta di rinvio pregiudiziale alla Corte di Giustizia affinché venga adeguatamente chiarita la conformità della normativa italiana recata dal DL 50/2017 con la Direttiva 2015/1535/Ue, in materia di servizi delle società di informazione, oltre che con i principi di libera prestazione dei servizi e libera concorrenza.

La ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU