X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Giovedì, 23 gennaio 2020 - Aggiornato alle 6.00

IL CASO DEL GIORNO

Non è sempre esportazione l’invio di beni per l’appalto extra Ue

/ Corinna COSENTINO e Emanuele GRECO

Martedì, 5 novembre 2019

La cessione di beni nell’ambito di un contratto di appalto per la costruzione di un impianto o di un immobile al di fuori dell’Ue può configurare, a determinate condizioni, una cessione all’esportazione non imponibile IVA ex art. 8 comma 1 lett. a) del DPR 633/72.
L’inquadramento dell’operazione è di particolare rilevanza, oltre che per la corretta applicazione del regime IVA, anche per i riflessi che esso può avere in ordine alla maturazione del plafond.

Ai fini in esame, si deve innanzitutto valutare se la cessione in parola costituisca un’operazione distinta ovvero se faccia parte di un’unica prestazione composita.
Sulla scorta della giurisprudenza comunitaria consolidata (Corte di Giustizia Ue del 29 marzo 2007, causa C-111/05, e successive), se da ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU