X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Domenica, 20 ottobre 2019

FISCO

Per dedurre le spese post adozione rileva l’accordo col Paese d’origine dei minori

Le verifiche richieste in questo caso sono un adempimento strettamente correlato alla procedura di adozione internazionale

/ REDAZIONE

Giovedì, 10 ottobre 2019

Le spese sostenute dai genitori adottivi per consentire le verifiche post adozione possono essere dedotte dall’IRPEF soltanto se, sulla base dell’accordo stipulato con il Paese di origine del minore, siano adempimenti necessari per l’espletamento della procedura di adozione. Lo precisa l’Agenzia delle Entrate nella risoluzione n. 85 pubblicata ieri, 9 ottobre 2019.

Ai sensi dell’art. 10 comma 1 lett. l-bis del TUIR, infatti, sono deducibili ai fini IRPEF il 50% delle spese sostenute dai genitori adottivi per l’espletamento della procedura di adozione internazionale di minori stranieri, disciplinata dalla L. 4 maggio 1983 n. 184.

Tra le spese deducibili, ove siano debitamente documentate e certificate dall’ente autorizzato, sono comprese anche quelle riferibili ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU