X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Martedì, 19 novembre 2019 - Aggiornato alle 6.00

INIZIATIVE DI CATEGORIA

I commercialisti accendono i riflettori sul made in Italy

/ REDAZIONE

Venerdì, 11 ottobre 2019

I commercialisti, in quanto consulenti privilegiati delle imprese, possono avere un ruolo importante anche nello sviluppo e nel rilancio del made in Italy, accompagnando le aziende verso nuovo modelli di business e favorendo la creazione di sinergie con banche e istituzioni. Con questa convinzione, il Consiglio nazionale di categoria e l’ODCEC di Bologna hanno organizzato il convegno “Commercialisti, Istituzioni e Imprese a confronto: una rete di competenze – partendo dal settore agroalimentare – per la crescita del Brand Italia”.

L’evento, realizzato con la collaborazione di Fondazione Fico Eataly World, Cluster Agrifood Nazionale e Passepartout, si svolgerà questo pomeriggio (ore 14) a Bologna, presso la Fondazione Fico (via Paolo Canali 8), e si aprirà con i saluti di Duccio Caccioni, Direttore scientifico di Fondazione Fico, Marco Lombardo, Assessore del Comune di Bologna con delega alle Attività produttive, Andrea Foschi, Consigliere del CNDCEC, e Alessandro Bonazzi, Presidente dell’ODCEC di emiliano.

A seguire, il primo dei due panel previsti, dedicato a “La trasversalità delle competenze professionali a supporto del Made in Italy”. Nicola Caputo, responsabile nazionale Area Fiscale di Confagricoltura, Alessandro Servadei, commercialista di Bologna e membro del Gruppo di Studio Giuridico di Fondazione Fico, discuteranno della peculiarità del settore agroalimentare, delle diverse forme giuridiche di aggregazione (consorzi, cooperative e reti), finanza agevolata e fiscalità.

La seconda tavola rotonda, coordinata da Achille Coppola, Segretario del CNDCEC, sarà invece incentrata su “Il Ruolo di imprese, Enti, Ordini professionali e istituzioni per i settori economici ed i modelli di business”. Prenderanno la parola Giuseppe Laurino, Consigliere del CNDCEC codelegato all’Attività d’impresa, Gaia Campione Taddei, Consigliera delegata dell’ODCEC di Bologna, Paolo Bonaretti, responsabile ASTER per le strategie dell’Innovazione e Cluster tecnologici e vicepresidente esecutivo Cluster Agrifood Nazionale; Eugenia Bergamaschi, presidente Confagricoltura Emilia Romagna; Marco Polizzi, presidente della commissione “Diritto delle Dogane” dell’ODCEC di Bologna.


TORNA SU