X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Venerdì, 24 gennaio 2020 - Aggiornato alle 6.00

PROFESSIONI

Il P.M. contesta all’ente l’illecito con l’atto del procedimento «principale»

Anche per il procedimento a carico degli enti è possibile accedere a riti speciali come rito abbreviato e patteggiamento

/ Nicola GIANARIA

Lunedì, 18 novembre 2019

Il procedimento nei confronti dell’ente per illecito amministrativo segue le regole previste dal codice di rito per la disciplina del processo a carico dell’imputato – in quanto compatibili – oltre a quelle specificamente modulate dal DLgs. 231/2001 al Capo III.

Il giudice penale competente è quello che ha la cognizione dei fatti dai quali dipende la responsabilità amministrativa dell’Ente. Non solo. Il legame tra accertamento del reato presupposto ed illecito amministrativo è così forte che il decreto prevede, come regola, la riunione dei due procedimenti salvo che il procedimento penale a carico dell’imputato sia sospeso, che sia stato definito mediante accesso a riti alternativi ovvero che l’osservanza delle disposizioni processuali lo renda necessario.

L’ente ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU