X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Lunedì, 28 settembre 2020 - Aggiornato alle 6.00

NOTIZIE IN BREVE

Nei primi 10 mesi del 2019 gettito in crescita dell’1,5%

/ REDAZIONE

Venerdì, 6 dicembre 2019

x
STAMPA

Il Dipartimento delle Finanze ha pubblicato ieri il Bollettino delle entrate tributarie del periodo gennaio-ottobre 2019. I dati, evidenziati anche dal MEF con un comunicato stampa, registrano un incremento di 5.432 milioni di euro delle entrate tributarie erariali accertate in base al criterio della competenza giuridica rispetto allo stesso periodo dello scorso anno. Il gettito ammonta a 359.830 milioni di euro (+1,5%). 

Nel mese di ottobre si evidenzia un incremento di gettito pari a 2.313 milioni di euro (+7,1%) rispetto allo stesso mese dell’anno precedente, influenzato dalle entrate delle imposte autoliquidate con un gettito IRPEF di 2.235 milioni di euro (+553 milioni di euro) e IRES di 1.349 milioni di euro (+102 milioni di euro). Tali dati, spiega il MEF, sono legati alla proroga al 30 settembre dei termini di versamento di tutte le imposte autoliquidate per i soggetti ISA. 

Le imposte dirette risultano pari a 193.011 milioni di euro, con un incremento di 2.964 milioni di euro (+1,6%) rispetto al medesimo periodo del 2018. Il gettito IRPEF mostra una crescita del 2,1% (+3.232 milioni di euro).

Le imposte indirette, che ammontano a 166.819 milioni di euro, registrano una variazione positiva di 2.468 milioni di euro (+1,5%). Il risultato è legato all’andamento del gettito dell’IVA (+2.772 milioni di euro, +2,8%). L’imposta di bollo, invece, mostra un calo di 404 milioni di euro (-7,1%) dovuto anche alle nuove disposizioni, in vigore dal 1° gennaio 2019, che hanno modificato le modalità di versamento dell’imposta sulle fatture elettroniche. In calo anche l’imposta di registro: -191 milioni di euro (-4,7%).

Infine, le entrate tributarie erariali derivanti dall’attività di accertamento e controllo si attestano a 9.845 milioni di euro (+1.406 milioni di euro, +16,7%) di cui: 5.283 milioni di euro (+26,2%) dalle imposte dirette e 4.562 milioni di euro (+7,3%) dalle imposte indirette.

TORNA SU