X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Mercoledì, 29 gennaio 2020 - Aggiornato alle 6.00

LAVORO & PREVIDENZA

Congruità del compenso per il patto di non concorrenza da valutare

Non è possibile individuare un criterio universale, rileva il caso concreto

/ Viviana CHERCHI

Venerdì, 13 dicembre 2019

In un mercato sempre più competitivo e globalizzato, l’esigenza di tutelare il proprio know how è cresciuta esponenzialmente e, con essa, la necessità di evitare che il patrimonio di conoscenze ed esperienze acquisite da un dipendente possa “disperdersi” a favore delle aziende concorrenti.

Si ricorda come, in costanza di rapporto di lavoro, l’art. 2105 c.c. vieti al dipendente di trattare affari, per conto proprio o di terzi, in concorrenza con l’imprenditore, divulgare notizie attinenti all’organizzazione e ai metodi di produzione dell’impresa o farne uso in modo da arrecare ad essa pregiudizio.
Dopo la cessazione del rapporto di lavoro, l’estensione dell’obbligo di fedeltà è, generalmente, attuata attraverso la stipulazione di un patto di ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU