X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Venerdì, 14 agosto 2020 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Frazioni di giorno da computare per intero se il non residente lavora in Italia

L’Agenzia individua il criterio di computo dei giorni nel caso di attività prestata sia in Italia sia all’estero

/ Luisa CORSO

Sabato, 14 dicembre 2019

x
STAMPA

download PDF download PDF

Con la risposta a interpello n. 521 del 13 dicembre 2019 l’Agenzia delle Entrate ha fornito chiarimenti in merito al trattamento fiscale dei redditi di lavoro dipendente percepiti da un soggetto residente in Germania per l’attività di lavoro prestata, alle dipendenze del datore di lavoro “italiano” (stabile organizzazione italiana di una società di diritto tedesco), sia in Italia, sia in altri Paesi tra cui la Germania.

Trattandosi, nel caso di specie, di un non residente, il collegamento territoriale con l’Italia deve essere individuato ai sensi dell’art. 23 comma 1 lett. c) del TUIR, norma che prevede che si considerano prodotti in Italia i redditi di lavoro dipendente “prestato” in Italia.
Pertanto, sono imponibili in Italia le remunerazioni

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU