X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Giovedì, 23 gennaio 2020 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Conforme alla Costituzione il termine di 30 giorni per il deposito del ricorso

L’inammissibilità non rappresenta un onere eccessivo per il contribuente

/ Alice BOANO

Sabato, 14 dicembre 2019

La Corte Costituzionale, mediante l’ordinanza n. 273 depositata ieri, ha confermato la legittimità costituzionale degli artt. 22 e 27 del DLgs. 546/92, a mente dei quali la costituzione in giudizio del ricorrente nel rito tributario deve avvenire, a pena di inammissibilità, entro trenta giorni dalla presentazione del ricorso e detta inammissibilità può essere rilevata, d’ufficio, in sede di esame preliminare del ricorso.

Il giudizio giunge dinnanzi alla Consulta a seguito dell’ordinanza di rinvio della Commissione tributaria provinciale di Genova n. 85 del 1° aprile 2009, che aveva sollevato la questione di legittimità costituzionale in riferimento agli artt. 3, 24, 97 e 111 Cost. (si veda “Inammissibilità per tardiva costituzione in giudizio alla Consulta” del ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU