X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Giovedì, 2 aprile 2020 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Trattamento penale più severo per il commercialista infedele al cliente

Risponde di falso materiale in atto pubblico se riceve somme dal cliente per pagamenti all’Erario e gli mostra ricevute di versamento falsamente redatte

/ Ciro SANTORIELLO

Giovedì, 9 gennaio 2020

Si è soliti ritenere che i comportamenti illeciti e infedeli che un commercialista tiene nei confronti di un suo cliente (si pensi al mancato adempimento di alcuni obblighi, come l’invio di comunicazioni all’Erario, o le condotte di frode consistenti nell’impossessarsi delle somme che il cliente gli ha consegnato per il pagamento delle imposte) si risolvano di fatto in una aggressione dei soli interessi del cliente stesso, il quale di conseguenza è l’unico danneggiato dal reato e il solo interessato alla punizione del professionista.

Da questa impostazione derivano, evidentemente, conseguenze favorevoli alla posizione del commercialista, il quale vede considerevolmente alleggerita la sua posizione in sede penale.
Infatti, nella misura in cui si ritiene che le condotte ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU