X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Sabato, 22 febbraio 2020 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Con la morte del contribuente si allungano di tre mesi i termini per l’impugnazione

Se l’evento interruttivo si verifica dopo tre mesi dalla pubblicazione della sentenza, il termine lungo per l’impugnazione viene prorogato di tre mesi

/ Antonino RUSSO

Lunedì, 20 gennaio 2020

La sentenza n. 20529/2019 della Cassazione, emessa a seguito di un processo civile, ha posto interessanti spunti anche per gli operatori del processo tributario in ordine all’applicazione, in tale rito, della norma ex art. 328 c.p.c. che prevede un’ipotesi di interruzione del termine per impugnare, ciò in deroga al principio di perentorietà dei termini di impugnazione della sentenza che non subiscono, di regola, né sospensioni, né interruzioni.

Più precisamente, tale disposizione si riferisce a uno degli eventi interruttivi ex art. 299 c.p.c (morte oppure la perdita della capacità di stare in giudizio di una delle parti o del suo rappresentante legale o la cessazione di tale rappresentanza), che comportano – quando si verificano durante la pendenza del termine per impugnare, cioè ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU