X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Lunedì, 13 luglio 2020 - Aggiornato alle 6.00

IMPRESA

Rischia grosso chi concorre a far fallire una società riutilizzandone i beni

Configurato il concorso tra sottrazione fraudolenta, bancarotta per distrazione e autoriciclaggio

/ Maurizio MEOLI

Mercoledì, 15 gennaio 2020

x
STAMPA

download PDF download PDF

Il soggetto che contribuisce a determinare il fallimento di una società, distraendone il patrimonio attraverso la creazione di altre società, una delle quali interamente riconducibile a se stesso, rimettendo così in circolazione i proventi dei delitti commessi, rischia la contestazione di concorso nelle fattispecie di sottrazione fraudolenta al pagamento delle imposte, di bancarotta fraudolenta per distrazione e di autoriciclaggio.

È quanto si desume dalla sentenza n. 1203 della Cassazione, depositata ieri, che rigetta il ricorso avverso il provvedimento di sequestro preventivo emesso nei confronti di un soggetto indagato per le condotte sopra sintetizzate e che dovranno necessariamente essere puntualizzate nel giudizio di merito.

Ad ogni modo, con riguardo, innanzitutto, alla contestazione della ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU