X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Sabato, 26 settembre 2020 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Fatture «a cavallo d’anno», serve un intervento urgente per la detrazione IVA

ANC e Confimi chiedono una soluzione con la conversione del Milleproroghe. In caso contrario pronta la denuncia alla Commissione Ue

/ REDAZIONE

Mercoledì, 22 gennaio 2020

x
STAMPA

download PDF download PDF

Associazione nazionale commercialisti e Confimi Industria (Confederazione dell’industria manufatturiera italiana) sul piede di guerra per la mancata risoluzione della questione relativa alla detrazione IVA sulle fatture “a cavallo d’anno”, ovvero arrivate nei primi 15 giorni di gennaio ma relative a prestazioni effettuate nel mese di dicembre.

Ad oggi, stando all’art. 1 del DPR 100/98, così come modificato dall’art. 14 del DL 119/2018, per tali tipologie di fatture non si applica la regola generale che consente l’esercizio del diritto alla detrazione per i documenti di acquisto ricevuti e annotati entro il 15 del mese successivo. La norma, infatti, esclude “i documenti di acquisto relativi ad operazioni effettuate nell’anno precedente” ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU