X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Domenica, 28 febbraio 2021

IMPRESA

Per la domanda di risoluzione con fini restitutori o risarcitori rito fallimentare

Il principio del concorso formale può essere derogato solo nei casi previsti dalla legge

/ Antonio NICOTRA

Sabato, 8 febbraio 2020

x
STAMPA

download PDF download PDF

Con la sentenza n. 2990, depositata ieri, la Corte di Cassazione ha stabilito che, in virtù dell’art. 72 comma 5 del RD 267/42, la domanda di risoluzione proposta prima della dichiarazione di fallimento, se diretta in via esclusiva a far valere le pretese risarcitorie o restitutorie in sede fallimentare, non può proseguire in sede ordinaria, ma deve essere interamente proposta secondo il rito speciale (artt. 93 e ss. del RD 267/42).
In sede di accertamento del passivo, la domanda di risoluzione, che costituisca antecedente logico-giuridico della domanda di risarcimento o di restituzione, deve essere esaminata e decisa dal giudice fallimentare, non essendo applicabile, in via analogica, l’istituto dell’ammissione con riserva (ex art. 96 nn. 1 e 3 del RD 267/42), né potendosi ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU