X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Lunedì, 24 febbraio 2020 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Per le ritenute negli appalti l’opera o il servizio vanno eseguiti da un’impresa

Esclusi i contratti con esercenti arti o professioni; nel limite di 200.000 euro rientrano tutti i contratti con la stessa impresa

/ Caterina MONTELEONE e Massimo NEGRO

Giovedì, 13 febbraio 2020

Con l’attesa circolare dell’Agenzia delle Entrate 12 febbraio 2020 n. 1 sono stati forniti molti dei chiarimenti ritenuti necessari per individuare il corretto ambito applicativo dell’art. 17-bis del DLgs. 241/97 e, conseguentemente, permettere alle imprese appaltatrici, affidatarie e subappaltatrici di adempiere entro il prossimo 17 febbraio alle nuove disposizioni in materia di versamento delle ritenute fiscali sui redditi di lavoro dipendente e assimilati relativi ai dipendenti/collaboratori impiegati nell’esecuzione di una o più opere e/o di uno o più servizi.

L’art. 17-bis del Dlgs. 241/97 si applica infatti ai committenti che affidano a un’impresa appaltatrice, affidataria o subappaltatrice l’esecuzione di una o più opere o di uno o più servizi ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU