X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Giovedì, 24 settembre 2020 - Aggiornato alle 6.00

IL CASO DEL GIORNO

Per il blocco dei conti correnti basta la notizia informale della morte del correntista

/ Anita MAURO

Venerdì, 7 agosto 2020

x
STAMPA

download PDF download PDF

A norma dell’art. 48 comma 3 del DLgs. 346/90, i debitori del defunto e i detentori di beni che gli appartenevano non possono pagare le somme dovute o consegnare i beni detenuti agli eredi, ai legatari e ai loro aventi causa, se non è stata fornita la prova della presentazione, anche dopo il termine di prescrizione di cinque anni, della dichiarazione della successione o della dichiarazione integrativa, contenente l’indicazione di tali crediti e dei beni suddetti (o dell’intervenuto accertamento in rettifica o d’ufficio), salvo che non sia stato dichiarato per iscritto dall’interessato che non vi era obbligo di presentare la dichiarazione.

Tale norma estrinseca effetti, in primo luogo, nei confronti delle banche di cui il defunto risulta correntista, che sono tenute ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU