X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Domenica, 24 gennaio 2021

IL CASO DEL GIORNO

Reverse charge per i compro oro solo se il bene è trasformato

/ Dario BONSANTO e Emanuele GRECO

Venerdì, 13 marzo 2020

x
STAMPA

download PDF download PDF

Per poter definire il regime IVA applicabile ad una cessione di manufatti in oro è necessario, in termini generali, avere riguardo alle qualità oggettive del bene oggetto dell’operazione nonché alle caratteristiche soggettive delle parti coinvolte.

In tale ambito, i profili di maggiore criticità si registrano nella determinazione del regime fiscale applicabile alle cessioni di oro usato da parte dei cosiddetti “compro oro”, oggetto di un ampio contenzioso che ha visto contrapposti tali operatori economici ai rilievi dell’Agenzia delle Entrate (cfr. ex multis C.T. Reg. Firenze 8 aprile 2019 n. 603; C.T. Reg. Genova 28 marzo 2017 n. 437; C.T. Reg. Ancona 8 marzo 2016 n. 148).

Ad avviso dell’Amministrazione finanziaria (cfr. ris. Agenzia delle Entrate n. 92/2013; ris. ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU