X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Lunedì, 10 agosto 2020 - Aggiornato alle 6.00

IL CASO DEL GIORNO

Detraibile l’IVA assolta per l’acquisto di beni ceduti a titolo di sconto

/ Mirco GAZZERA

Venerdì, 12 giugno 2020

x
STAMPA

download PDF download PDF

La concessione di sconti ai cessionari può avvenire sotto forma di riduzione del prezzo del bene venduto (sconti in denaro) oppure di riconoscimento gratuito di un bene o di un dato quantitativo aggiuntivo di beni (sconti in natura). In quest’ultimo caso, è opportuno interrogarsi circa la spettanza del diritto alla detrazione dell’IVA assolta sull’acquisto o sull’importazione degli stessi.

Ai sensi dell’art. 15 comma 1 n. 2 del DPR 633/72, il valore normale dei beni ceduti a titolo di sconto, premio o abbuono non concorre alla formazione della base imponibile IVA, se si verificano congiuntamente le seguenti condizioni:
- la cessione avviene in conformità alle originarie condizioni contrattuali (sono soggette a IVA, dunque, le cessioni a predetto titolo pattuite successivamente ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU