X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Lunedì, 28 settembre 2020 - Aggiornato alle 6.00

LETTERE

Con l’emergenza coronavirus effetti del Codice della crisi da sospendere subito

Sabato, 14 marzo 2020

x
STAMPA

Gentile Redazione,
l’evento coronavirus, per la sua possibile durata, per le incertezze che genererà e per l’enorme impatto che produrrà sull’intero tessuto economico italiano, europeo e mondiale, dal mio punto di vista, obbliga un urgente “straordinario” intervento normativo, da fondarsi essenzialmente sul principio di forza maggiore.

Lo spirito di questa possibile normazione speciale dovrà essere innanzitutto l’immediata sospensione degli effetti del DLgs. 14/2019 (Codice della crisi di impresa e dell’insolvenza).

Le norme regolanti la perdita della continuità aziendale, la crisi e l’insolvenza dell’impresa, in situazioni eccezionali, necessitano di interventi eccezionali. Dobbiamo assolutamente evitare che gran parte delle imprese italiane, soprattutto di medio-piccola dimensione, debba essere messa in liquidazione già in corso del 2020 o, al più tardi, nei primi mesi del 2021, per il venir meno del presupposto di continuità aziendale. Non ci saranno Organi di composizione della crisi che tengano, nessuno potrà fare alcunché rispetto a un intero sistema economico che andrà in grande difficoltà.

I rapporti commerciali tra le imprese, per un periodo non certamente breve e nella più rosea delle ipotesi, saranno rappresentati da difficoltà di pagamento, da ritardi o impossibilità di consegnare prodotti e materiali per difficoltà di approvvigionamento, con un effetto domino senza effettive reali responsabilità di alcuno.

La situazione potrà essere così grave da necessitare anche la sospensione temporanea ed eccezionale degli effetti di cui agli artt. 2446 e 2447 c.c. (per spa), e agli artt. 2482-bis, 2482-ter e 2482-quater c.c. (per le srl), raccordati con l’art. 2484 c.c. e con gli artt. 2485 e 2486 c.c., al fine di impedire che la straordinaria crisi di sistema in corso generi il default giuridico della gran parte delle PMI italiane.
Agire in fretta, anche in questi casi, è fondamentale.


Eusebio Zallocco
Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Fermo

TORNA SU