X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Sabato, 30 maggio 2020 - Aggiornato alle 6.00

IMPRESA

CIG in deroga senza autorizzazione per l’impresa in concordato

La richiesta per fronteggiare l’emergenza non rientra tra gli atti di straordinaria amministrazione

/ Antonio NICOTRA

Giovedì, 9 aprile 2020

x
STAMPA

download PDF download PDF

L’art. 22 del DL n. 18/2020 (c.d. “Cura Italia”), sul cui Ddl. di conversione questa mattina in Aula al Senato si svolgeranno la discussione generale e le dichiarazioni di voto, dopo che il Governo ha preannunciato l’intenzione di porre la questione di fiducia, ha previsto, al fine di fronteggiare l’emergenza epidemiologica da COVID-19, che le Regioni e le Province autonome, con riferimento ai datori di lavoro del settore privato, possano riconoscere, previo accordo concluso anche in via telematica con le organizzazioni sindacali comparativamente più rappresentative a livello nazionale per i datori di lavoro, “trattamenti di cassa integrazione salariale in deroga, per la durata della sospensione del rapporto di lavoro e comunque per un periodo non superiore ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU