X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Martedì, 20 ottobre 2020 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

A partire da giugno in arrivo 8,5 milioni di atti dalle Entrate

Per Ruffini pesa l’eliminazione della proroga biennale dei termini di decadenza prevista dal Senato nella conversione del «Cura Italia»

/ Alfio CISSELLO e Savino GALLO

Giovedì, 23 aprile 2020

x
STAMPA

download PDF download PDF

Nel caso in cui, con la conversione in legge del decreto “Cura Italia” – su cui il Governo ha posto la questione di fiducia, che dovrebbe essere votata oggi alla Camera –, dovesse essere confermata l’eliminazione della proroga biennale dei termini di decadenza (prevista nella versione originaria del testo), l’Agenzia delle Entrate “dovrà provvedere” alla notifica di circa 8,5 milioni di atti ai contribuenti entro il 31 dicembre prossimo. A paventare tale scenario è il Direttore delle Entrate, Ernesto Maria Ruffini, ieri in audizione alle Commissioni Finanze e Attività produttive della Camera.

Nello specifico, si tratta di 3,7 milioni di atti e comunicazioni in scadenza entro fine anno, a cui si aggiungono altri 4,8 milioni di comunicazioni che, seppur non

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU