X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Venerdì, 27 novembre 2020 - Aggiornato alle 16.30

FISCO

Per la compensazione senza visto di conformità sanzione solo formale

Superato l’orientamento per cui la mancata apposizione del visto, almeno sotto l’aspetto sanzionatorio, sia alla stregua di un omesso versamento

/ Giorgio INFRANCA e Pietro SEMERARO

Venerdì, 1 maggio 2020

x
STAMPA

download PDF download PDF

La compensazione di un credito IVA effettuata in assenza del visto di conformità costituisce una violazione meramente formale e come tale non può essere sanzionata con la sanzione proporzionale per omesso versamento, di cui all’art. 13, DLgs. 471/97.
Questo è l’importante principio confermato per la prima volta – almeno a quanto consta – dalla Corte di Cassazione con la sentenza n. 5289 del 26 febbraio scorso.

Il caso oggetto della sentenza della Suprema Corte prende le mosse dall’impugnazione di un atto di recupero di un credito IVA relativo all’anno 2009, notificato a una spa colpevole di aver proceduto alla compensazione del credito IVA senza previa apposizione del visto di conformità, di cui all’art. 10, comma 7 del DL 78/2009, irrogando al contempo la sanzione ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU