ACCEDI
Venerdì, 12 luglio 2024 - Aggiornato alle 6.00

IMPRESA

Autorizzazione prima che si concluda la gara per l’impresa in concordato in bianco

La conclusione della gara rende definitiva la causa ostativa

/ Antonio NICOTRA

Lunedì, 29 giugno 2020

x
STAMPA

download PDF download PDF

L’Autorità nazionale anticorruzione (ANAC), con delibera del 22 aprile 2020 n. 362, è intervenuta per fornire chiarimenti in ordine alla delibera n. 43/2020, precisando che la partecipazione dell’impresa in concordato “in bianco” alla gara pubblica è consentita nei limiti in cui l’autorizzazione del Tribunale fallimentare che accerti la capacità economica a eseguire l’appalto intervenga nel corso della gara e non dopo la sua conclusione.

Con la delibera n. 43/2020 – oggetto di riesame – l’ANAC condivideva la giurisprudenza secondo cui la domanda di concordato “in bianco”, presentata in corso di gara, comportava l’esclusione dell’impresa (TAR Lazio n. 9782/2019; Cons. Stato nn. 3984/2019, 5966/2018 e 3225/2018).

Con l’istanza ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI
ACCEDI

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU