X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Sabato, 27 novembre 2021 - Aggiornato alle 6.00

IMPRESA

Difficile l’accesso al Fondo PMI per le imprese in concordato con continuità

La rinegoziazione dell’esposizione bancaria presuppone l’autorizzazione del giudice

/ Marco PEZZETTA

Martedì, 12 maggio 2020

x
STAMPA

download PDF download PDF

L’accesso alle garanzie del Fondo PMI è consentita (art. 13 del DL 23/2020) anche alle imprese che nel 2020 sono state ammesse a concordato preventivo in continuità ex art. 186-bis L. fall., purché: le loro esposizioni non siano più da classificare come NPE; non abbiano arretrati successivi all’applicazione delle concessioni (forbearance) ricevute; la banca possa “ragionevolmente presumere il rimborso integrale dell’esposizione alla scadenza”. Già queste prime tre condizioni, necessarie in base al Reg. Ue 575/2013, paiono abbastanza difficili da soddisfare, evidenziando che molti strumenti “nazionali” per affrontare l’emergenza devono trovare una sponda in coerenti modifiche del quadro normativo europeo per essere del tutto efficaci. Questa, però, ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU