X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Martedì, 7 luglio 2020 - Aggiornato alle 6.00

NOTIZIE IN BREVE

È cessione di beni l’installazione di una struttura per piattaforma marina

/ REDAZIONE

Sabato, 6 giugno 2020

x
STAMPA

Con risposta a interpello n. 166/2020, pubblicata ieri, l’Agenzia delle Entrate ha fornito alcune indicazioni in merito al trattamento IVA della realizzazione e installazione di una struttura per una piattaforma marina. La struttura è realizzata in un cantiere in Italia e, una volta completata, è caricata su un mezzo navale e installata nell’Oceano, di fronte ad uno Stato membro dell’Unione europea ove è stabilita la società acquirente.

Le Entrate specificano che, nella fattispecie, si è in presenza di una cessione di beni con posa in opera.
A tal fine, è richiamato l’orientamento della Corte di Giustizia Ue (causa C-111/05 del 29 marzo 2007), tale per cui “quando un’operazione è costituita da una serie di elementi e di atti, si devono anzitutto prendere in considerazione tutte le circostanze nelle quali si svolge l’operazione considerata per determinare, da un lato, se ci si trovi di fronte a due o più prestazioni distinte o ad un’unica prestazione e, dall’altro, se, in quest’ultimo caso la detta prestazione unica debba essere qualificata come cessione di beni o come prestazione di servizi”.

Come nel caso esaminato nella sentenza richiamata, in cui si esclude che la prestazione di servizi (in tale circostanza, la posa in opera del cavo) abbia un carattere prevalente sulla cessione del bene, anche nel contesto della risposta n. 166/2020 l’Agenzia delle Entrate ritiene che sia configurabile una prestazione di servizi. Infatti, l’oggetto del contratto stipulato attiene alla fornitura di una struttura in acciaio che verrà installata nella piattaforma marina del cliente, in acque territoriali di uno Stato membro Ue.

L’operazione in esame non integra, tuttavia, i presupposti delle cessioni all’esportazione di cui all’art. 8 comma 5 del DPR 633/72, come ipotizzato dall’istante, bensì quelli di una cessione intracomunitaria non imponibile ai fini IVA ex art. 41 comma 1 lett. a) del DPR 633/72.

Pertanto, alla luce di questo inquadramento, la cessione è altresì vincolata al rispetto dell’art. 45-bis del Regolamento Ue n. 282/2011, in merito alla prova del trasporto del bene da parte del cedente al di fuori del territorio dello Stato.

TORNA SU