X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Martedì, 11 agosto 2020 - Aggiornato alle 6.00

PROFESSIONI

Il commercialista dipendente della società può avere funzioni dirigenziali

L’eventuale incompatibilità deve essere espressamente contemplata dalla normativa applicabile al rapporto di lavoro subordinato

/ Edoardo MORINO

Sabato, 27 giugno 2020

x
STAMPA

download PDF download PDF

Non integra una causa di incompatibilità con l’esercizio della professione di dottore commercialista e di esperto contabile:
- la condizione di un iscritto che sia dipendente (anche con funzioni dirigenziali) di una società, a meno che l’incompatibilità sia espressamente contemplata dalla normativa applicabile al suddetto rapporto di lavoro subordinato;
- la stipula di un contratto di prestazione d’opera intellettuale che preveda clausole rafforzative della posizione del cliente, ferma restando la verifica della conformità delle suddette clausole alle altre disposizioni dell’ordinamento professionale.

Così si esprime il CNDCEC nel Pronto Ordini 12 giugno 2020 n. 41, pronunciandosi, tra l’altro, sul caso di un iscritto, già consulente di una società, che aveva chiesto ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU