X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Sabato, 26 settembre 2020 - Aggiornato alle 6.00

IL CASO DEL GIORNO

Per gli alberghi aliquota IVA del 10% con il dubbio servizi wellness

/ Emanuele GRECO e Melania MARCHESE

Lunedì, 27 luglio 2020

x
STAMPA

download PDF download PDF

La scelta legislativa di favorire l’attività svolta dalle strutture ricettive con l’applicazione dell’aliquota IVA del 10% “induce a ritenere che l’agevolazione non possa riferirsi soltanto alle prestazioni strettamente alberghiere ma possa applicarsi anche a quelle che hanno migliorato l’offerta ai propri clienti. Tra queste sono da comprendere i servizi wellness, beauty, benessere e altri ancora che contribuiscono certamente ad accrescere la qualità del soggiorno offerto alla clientela. Va peraltro tenuto in debito conto che le prestazioni wellness fruite da persone non alloggiate nell’albergo debbano essere assoggettate all’aliquota IVA ordinaria del 20%”.

Tale orientamento è stato fatto proprio dalla C.T. II Bolzano nella sentenza 2 gennaio ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU