X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Venerdì, 14 agosto 2020 - Aggiornato alle 6.00

INIZIATIVE DI CATEGORIA

Intesa sulla formazione tra CNDCEC e Corte dei Conti

/ REDAZIONE

Giovedì, 16 luglio 2020

x
STAMPA

Con l’informativa n. 86/2020, diffusa ieri, il CNDCEC ha reso noto di aver sottoscritto un protocollo d’intesa con la Corte dei Conti. Obiettivo dell’accordo è quello di “individuare i profili sui quali operare al fine di migliorare la risposta alla collettività, in termini di rafforzamento dei controlli, organizzazione, servizi resi e ottimizzazione dell’uso delle risorse pubbliche nell’ottica della cultura della legalità e del buon funzionamento degli enti.

Partendo dal presupposto che ci sono diverse aree di comune interesse, come il controllo sugli enti pubblici e sugli enti territoriali e locali, la giustizia tributaria e il controllo sull’uso dei fondi europei, per il tramite del protocollo appena sottoscritto i due enti si impegnano a “realizzare una formazione adeguata dei soggetti pubblici che operano nei settori finanziari ed economici, nell’ottica della trasparente rappresentazione contabile dei risultati della gestione, improntata alla costante rispondenza all’obbligo di accountability che ne permea la funzione”.

Le priorità di azione verranno definite dal CNDCEC e dalla Corte dei Conti grazie a due referenti, che saranno chiamati a svolgere e coordinare le diverse attività.

L’accordo rimarrà in vigore fino alla scadenza del mandato dell’attuale Consiglio nazionale dei commercialisti (14 febbraio 2021), ma potrà essere rinnovato, modificato o prorogato anche prima della scadenza con una nuova intesa tra le parti contraenti.

TORNA SU