X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Martedì, 20 ottobre 2020 - Aggiornato alle 6.00

FISCO

Per l’IVA sui contributi erogati dalle P.A. da valutare gli interessi delle parti

L’erogazione è rilevante ai fini IVA in presenza di un rapporto obbligatorio a prestazioni corrispettive

/ Mirco GAZZERA

Lunedì, 31 agosto 2020

x
STAMPA

download PDF download PDF

Sono numerosi i documenti di prassi pubblicati dall’Agenzia delle Entrate, anche recentemente, in merito al trattamento IVA delle erogazioni di denaro da parte delle pubbliche amministrazioni (P.A.). Seppure ciascun caso presenti peculiarità, il criterio generale dal quale dipende l’assoggettamento a IVA delle predette somme è costituito dalla sussistenza o meno di un rapporto giuridico sinallagmatico.

Come precisato dalla circ. Agenzia delle Entrate n. 34/2013, l’erogazione di denaro delle P.A. può essere qualificata come:
- contributo pubblico fuori dal campo di applicazione dell’IVA, ai sensi dell’art. 2 comma 3 lett. a) del DPR 633/72, se si tratta di una mera movimentazione di denaro per il perseguimento di obiettivi di carattere generale;
- corrispettivo da ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU