X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Venerdì, 25 settembre 2020 - Aggiornato alle 6.00

LAVORO & PREVIDENZA

Nell’ultimo report INAIL 1.377 casi in più di contagio da COVID-19

Nuovi dati aggiornati al 31 luglio: pervenute in tutto 51.393 denunce di infezioni di presunta origine lavorativa

/ Fabrizio VAZIO

Venerdì, 14 agosto 2020

x
STAMPA

download PDF download PDF

L’ultimo report dei dati INAIL sulle infezioni da coronavirus di presunta origine lavorativa è riferito alle denunce intervenute entro il 31 luglio.
Esse sono ormai 51.393 e l’incremento dalla precedente rilevazione è pari a 1.377 casi.
Significativo è anche l’incremento relativo ai casi mortali: 24 in più, che portano il totale a 276.

Va notato, con riferimento alle denunce, che inizia a diminuire il dato relativo alla percentuale di infortuni da COVID-19 rispetto ai casi di infortunio denunciati totalmente all’Istituto da inizio anno, visto che è ora al 18%. L’evidente considerazione è che mentre per fortuna i casi di contagio diminuiscono, le attività produttive sono ormai pienamente riprese.

Si conferma il dato relativo al fatto che i contagi riguardano in maggior ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU