X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Venerdì, 25 settembre 2020 - Aggiornato alle 6.00

NOTIZIE IN BREVE

Per il bonus R&S, certificazione dell’organo di controllo nominato a fine 2019

/ REDAZIONE

Sabato, 15 agosto 2020

x
STAMPA

Con la risposta interpello n. 265 di ieri, 14 agosto, l’Agenzia delle Entrate fornisce chiarimenti in merito al soggetto obbligato a rilasciare la certificazione della documentazione contabile per il credito d’imposta ricerca e sviluppo di cui all’art. 3 del DL 145/2013.
Nel caso in esame, la società, avendo superato uno dei limiti previsti dalla norma per due esercizi consecutivi, il 13 dicembre 2019 ha provveduto alla nomina dell’organo di controllo con decorrenza dall’esercizio 1° gennaio 2019-31 dicembre 2019. Si chiede quindi quale soggetto abbia l’obbligo di certificare la documentazione contabile per i costi di ricerca e sviluppo di competenza dell’esercizio 2019, posto che la società ha nominato il collegio sindacale in chiusura d’esercizio.

L’Agenzia delle Entrate afferma, sulla base dei chiarimenti della circ. n. 5/2016, che la certificazione della documentazione contabile ai fini della fruizione del credito di imposta per attività di ricerca e sviluppo presuppone da parte dell’organo di controllo un’attività ricognitiva che non necessariamente deve essere effettuata periodicamente nel corso dell’esercizio.
Pertanto, l’organo di revisione, seppur nominato a ridosso della scadenza del periodo d’imposta 2019, ha l’obbligo di svolgere le attività di revisione in relazione a tale esercizio, nonché di occuparsi della certificazione della documentazione contabile relativa al credito di imposta per attività di ricerca e sviluppo con riferimento al periodo di imposta 2019.

Considerando inoltre che dal periodo d’imposta 2019 l’istante è sottoposta a revisione legale per legge, le spese sostenute per tale attività non possono incrementare il credito d’imposta.

TORNA SU