X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Sabato, 26 settembre 2020 - Aggiornato alle 6.00

LETTERE

Che senso ha revocare lo sciopero solo per lo 0,8% a chi ha il fatturato ridotto?

Sabato, 12 settembre 2020

x
STAMPA

Spettabile Redazione,
che delusione! Ancora una volta ridicoli. Già uno sciopero dei commercialisti è ridicolo per definizione, perché noi siamo gli esecutori di obblighi, adempimenti ecc. dei Clienti e non possiamo esimerci dal compierli puntualmente.
Ma accontentarsi della promessa dello 0,8% SOLO per chi ha avuto un certo minor fatturato è addirittura avvilente.

Il problema della scadenza dei versamenti non era e non è legata al minor fatturato dei clienti. Il problema era ed è legato alla enorme difficoltà operativa che il blocco COVID ha provocato per tutti, e in particolare negli studi, e questo dovevamo farci riconoscere con lo spostamento generalizzato (“soggetti ISA”) dei versamenti.

Siamo stati tre mesi (almeno) impegnati in tutti gli adempimenti COVID (ammortizzatori sociali, bonus vari, finanziamenti, autocertificazioni, permessi di lavorare per le filiere, ecc.) senza poter lavorare sull’ordinario, chiudere i bilanci e le contabilità, con le aziende e i clienti in genere chiusi e senza personale nostro referente. Solo a giugno abbiamo ripreso a lavorare sulle chiusure del 2019, e sempre in contemporanea con tutti gli extra del COVID.
Era umanamente impossibile preparare le dichiarazioni e i relativi versamenti entro il 20 luglio-agosto (con qualche giorno di riposo per noi annientati e il nostro personale sfinito).

E dopo tutto quanto è stato necessario per indire e organizzare lo sciopero, noi che facciamo? Lo revochiamo solo grazie allo 0,8% SOLO per chi ha il fatturato ridotto? Così il lavoro di studio raddoppia perché dobbiamo verificare i fatturati per tutti e poi applicare lo 0,8 ad alcuni clienti e il ravvedimento ad altri!
Non ho (altre) parole! Se però qualcuno mi spiega la logica di tutto questo, lo ringrazio. Io da solo non ci arrivo!


Daniele Menciassi
Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Pisa

TORNA SU