X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Martedì, 20 aprile 2021 - Aggiornato alle 6.00

IL CASO DEL GIORNO

Territorialità dell’imposta sulle successioni ancorata alla residenza

/ Anita MAURO

Sabato, 17 ottobre 2020

x
STAMPA

download PDF download PDF

A norma dell’art. 2 comma 1 del DLgs. 346/90, l’imposta sulle successioni è dovuta in relazione a tutti i beni e diritti trasferiti, ancorché esistenti all’estero.

Il secondo comma dell’art. 2 del DLgs. 346/90 limita, però, l’estensione del principio di territorialità disponendo che, se, alla data di apertura della successione, il defunto non era residente nello Stato, l’imposta sulle successioni è dovuta limitatamente ai beni e ai diritti ivi esistenti.

Quindi, la territorialità dell’imposta sulle successioni segue un “doppio binario”:
- se il defunto era residente in Italia al momento della morte, l’imposta sulle successioni trova applicazione a tutti i beni oggetto di successione, anche se si trovano all’estero;
- se il defunto

...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU