X

Informativa

Questo sito, e gli strumenti di terze parti richiamati, utilizzano cookie indispensabili per il funzionamento tecnico del sito stesso e utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la Cookie Policy.

Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie nella modalità sopra indicata.

Recupera Password

Non sei ancora registrato? Clicca qui

Domenica, 24 ottobre 2021

FISCO

Nuovi codici natura anche per il plafond dell’esportatore abituale

Le specifiche tecniche introducono codici più dettagliati per distinguere le diverse operazioni non imponibili

/ Sandro CERATO

Lunedì, 19 ottobre 2020

x
STAMPA

download PDF download PDF

I nuovi codici natura delle operazioni non imponibili che generano lo status di esportatore abituale da indicare nella fattura elettronica ricalcano lo stesso dettaglio richiesto nel rigo VE30 del modello IVA. Con le specifiche tecniche del provvedimento delle Entrate del 28 febbraio 2020 sono stati introdotti anche nuovi codici per individuare la “natura” delle operazioni, che richiedono un maggior grado di dettaglio rispetto a prima.
Il successivo provvedimento dell’Agenzia delle Entrate del 20 aprile 2020, n. 166579, tenendo conto dell’impatto della pandemia COVID-19, ha posticipato l’obbligo di adozione dei nuovi codici a partire dal 1° gennaio 2021, anche se facoltativamente già dallo scorso 1° ottobre è possibile utilizzarli.

Le novità descritte incidono anche ...

CONTENUTO RISERVATO AGLI ABBONATI

ABBONANDOTI POTRAI AVERE UN ACCESSO
ILLIMITATO A TUTTI GLI ARTICOLI

ACCESSO ABBONATI

Recupera Password

Non sei ancora un utente abbonato
e vuoi saperne di più?

TORNA SU